Didattica: metodologie e strategie

Didattica: metodologie e strategie

SCUOLA DELL'INFANZIA, METODO MONTESSORI

Aiutami a fare da solo non è solo il nostro slogan pedagogico ma “è una domanda interiore posta dalla natura stessa del bambino” (M. Montessori).

Premessa e finalità generali

L’idea guida dell’intera progettazione è la consapevolezza di un bambino protagonista e artefice della propria crescita, soggetto attivo, competente, autonomo e operativo, impegnato in un continuo processo di interazione con i coetanei, gli adulti, con i materiali di sviluppo e con l’ambiente, e che attraverso modalità personali e strategie soggettive potrà costruire e maturare la propria identità, conquistare una crescente autonomia, sviluppare le proprie competenze e costruire il senso della cittadinanza.

Il curricolo: l’ambiente educativo

Particolare cura e attenzione è dedicata alla predisposizione di un ambiente educativo che favorisca nei bambini le attività autonome e liberamente scelte, la concentrazione nel lavoro intrapreso, le relazioni significative con gli altri e che promuova atteggiamenti di osservazione, esplorazione e ricerca.
L’ambiente montessoriano, (la classe - il corridoio - i bagni - lo spazio mensa) è un ambiente “caldo”, accogliente, curato nei minimi particolari.
E’ un ambiente di vita, è una casa nella scuola.

E’ quindi un luogo dove il bambino si sente libero di agire, dove può scegliere secondo il suo interesse e dove tutti i particolari del contesto possano diventare motivo di attività.
Sarà quindi cura di tutti gli operatori della scuola (collaboratori scolastici ) e dell’equipe pedagogica (insegnanti), predisporre, curare e qualificare l’ambiente educativo a misura dei bambini: attraente e ordinato nell’armonia estetica, con spazi articolati e ricchi di angoli intimi, dove lavorare, pensare e immaginare seguendo il proprio ritmo di crescita.
Ambienti accoglienti e rassicuranti, al servizio dell’attività autonoma dei bambini all’interno dei quali si muoveranno liberamente con e senza mediazione degli adulti.

Sono previsti pertanto liberi scambi di bambini tra diversi gruppi \ classe in modo da favorire l’autonoma utilizzazione degli spazi-educativi, organizzati per le attività di intersezione.


DIDATTICA: METODOLOGIE E STRATEGIE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA

La scuola promuove la crescita culturale dell'alunno assumendo un modello incentrato sulla didattica, sui progetti e sui laboratori, per favorire un apprendimento pluridisciplinare, costituito da conoscenze, capacità e competenze.

Schema DidatticaSchema Didattica

  • uso di mezzi audiovisivi, quotidiani , riviste
  • laboratori: scientifico, informatico, artistico, tecnico
  • metodo di lavoro costruttivo
  • problem solving
  • attività didattiche operative e manipolative
  • uso di tecniche di comunicazione e drammatizzazione
  • visite didattiche e viaggi d'istruzione